Non sempre si ha la “fortuna” di avere tra gli amici un detective. La professione di Investigatore Privato è curiosa e crea molto interesse nelle persone. Chiaramente le curiosità derivano dalle rappresentazioni mentali che il cinema ci ha impresso.

Durante una cena, un aperitivo o durante una qualsiasi occasione in cui si parla con nuovi amici o nuovi conoscenti, spesso capita di ricevere la domanda: Cosa fai nella vita? Che lavoro fai? Il detective risponde l’investigatore privato. L’attenzione per i successivi 30 minuti è tutta sua. A questo punto, senza indugio, i presenti si susseguono con una serie di domande atte a soddisfare, almeno in parte, la loro curiosità. Continua a leggere

Mi permetto di sottoporre alla vostra attenzione la nostra Società che da quindici anni opera nel settore delle investigazioni private sia in campo civile che in campo penale.

Le attività principali nel settore civile possono essere brevemente condensate in:

  1. ricerca di persone;
  2. accertamenti sugli stati patrimoniali ed economici;
  3. accertamenti sulla fedeltà pre e post matrimoniali;
  4. controllo giovani;
  5. affidamento minori;
  6. ricerca prove per cause civili;
  7. ricerca prove per licenziamento per giusta causa;
  8. bonifiche telefoniche e ambientali.

Continua a leggere

Sentenza Divorzio – Intervista Leonardo Sasso

La Cassazione Civile, con la sentenza n. 11504 depositata il 10 maggio 2017, muta il proprio orientamento in materia di assegno divorzile. Con una svolta epocale, la Corte lega il diritto al mantenimento nel divorzio, al presupposto della non autosufficienza economica del coniuge più debole, ritenendo non più attuale, nell’ambito dei mutamenti economico-sociali, il riferimento alla continuazione del tenore di vita goduto durante il matrimonio. Continua a leggere

Con il termine controlli difensivi si intendono tutti gli atti di indagini posti in essere dal datore di lavoro, diretti ad accertare e verificare eventuali comportamenti illeciti perpetrati dai dipendenti ai danni dell’azienda.
L’art. 4 dello statuto dei lavoratori stabilisce il divieto di utilizzo di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, senza l’accordo con le Rsa/Rsu o, in mancanza, previa autorizzazione della competente Dtl. Tale assunto lascia spazio a tutti quei controlli che esulano dalla materia dell’esatto adempimento della prestazione lavorativa.